Abbassare il colesterolo con l’alimentazione

L’ipercolesterolemia (colesterolo alto) è uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Per stare bene è necessario mantenere sotto controllo i livelli di colesterolo totale e colesterolo LDL (comunemente chiamato colesterolo “cattivo”). Sebbene i due terzi del colesterolo sono prodotti dall’organismo e solo un terzo deriva dalla dieta, un’alimentazione equilibrata contribuisce a ridurre tra il 5 e il 10% del colesterolo nel sangue. Ridurre del 10% la concentrazione di colesterolo ematico significa abbassare del 20% la probabilità di morire a causa di una malattia cardiovascolare.

Cosa mangiare per mantenere sotto controllo il colesterolo

Per quanto riguarda l’alimentazione, spesso molte persone si chiedono quali siano i cibi da evitare e quali si possano assumere per combattere il colesterolo alto. 

In linea generale è opportuno seguire una dieta basata sul consumo di verdure, cereali integrali, pesce azzurro, carni bianche e legumi. I grassi non vanno eliminati del tutto, ma è importante fare attenzione alle quantità e soprattutto alla qualità dei lipidi introdotti con l’alimentazione.

La prima mossa da fare per combattere il colesterolo alto è ridurre il consumo di alimenti ricchi di grassi saturi. I grassi saturi di origine animale, come il burro, lo strutto, la panna, il latte intero, le uova, il lardo, gli insaccati, i formaggi stagionati e i salumi sono responsabili dell’aumento dei livelli di colesterolo nel sangue. È raccomandabile, pertanto, consumarli con moderazione o sostituirli con oli di origine vegetale, ricchi di grassi insaturi omega 3, 6, 9. I grassi di origine vegetale, infatti, incidono in minore misura sui livelli di colesterolo nel sangue rispetto ai grassi saturi di origine animale, apportando allo stesso tempo la giusta quantità di energia per l’organismo. Tra i lipidi, poi, sono da evitare i grassi idrogenati che sono spesso contenuti negli alimenti confezionati come biscotti e merendine.

Tra gli alimenti raccomandati: verdure, frutta, legumi e cereali integrali. Questi alimenti sono preziosi perché contengono fibre. Le fibre contribuiscono a ridurre l’assorbimento del colesterolo introdotto con la dieta. La crusca di avena, dal punto di vista delle fibre e acidi grassi insaturi, è un alimento molto interessante per tenere sotto controllo il colesterolo totale e LDL. 

legumi (su tutti i lupini e la soia) e i cereali integrali (ricchi di carboidrati complessi) sono molto importanti perché hanno un basso indice glicemico. Per contrastare il colesterolo alto, infatti, è anche importante mantenere sotto controllo la glicemia. Questo perché una quantità eccessiva di zuccheri nel sangue stimola i meccanismi che regolano la produzione di colesterolo LDL da parte dell’organismo.

 

Autore: Andrea Siviero

Articoli correlati