Colesterolo alto: sintomi, cause e rimedi

Non bisogna mai dimenticarlo: il colesterolo è una sostanza fondamentale per il benessere del nostro organismo. Tuttavia, perché svolga correttamente le sue funzioni senza diventare un problema per la salute, occorre che la sua concentrazione nel sangue (colesterolemia) sia tenuta all’interno di certi valori.

 

Di cosa parliamo quando parliamo di ipercolesterolemia

Il colesterolo totale è la quantità totale di colesterolo presente nel circolo sanguigno e comprende:

1) il colesterolo “buono”, che è quella quota di colesterolo legata a lipoproteine ad alta densità (HDL: High Density Lipoproteins) e che viene trasportata dai tessuti al fegato, dove viene poi immagazzinata o eliminata;

2) il colesterolo “cattivo”, che è quella parte di colesterolo legata a lipoproteine a bassa densità (LDL: Low Density Lipoproteins) responsabili del trasporto del colesterolo dal fegato ai tessuti.

Secondo le linee guida del Ministero della Salute, per mantenere lo stato di salute e prevenire l’aterosclerosi e patologie cardiovascolari correlate, i valori del colesterolo desiderabili sono:

· Colesterolo totale non superiore ai 200 mg/dl;

· Colesterolo LDL non superiore a 100 mg/dl;

· Colesterolo HDL non inferiore a 50 mg/dl.

Si parla di ipercolesterolemia quando i valori di colesterolo totale sono superiori a 200 mg/dl e quelli di colesterolo LDL superiori a 100 mg/dl.

 

Colesterolo alto: cause e conseguenze

Esistono soggetti più predisposti di altri a sviluppare livelli di colesterolo superiori a quelli normali, ma di solito le cause principali del colesterolo alto sono un’alimentazione ricca di grassi saturi e uno stile di vita caratterizzato da poco movimento. Altri fattori che possono contribuire ad aumentare la quantità di colesterolo, in particolare colesterolo cattivo, nel sangue sono l’abitudine al fumo e alcune patologie come il diabete e l’ipotiroidismo.

Quando il colesterolo è in eccesso tende a depositarsi e a formare degli accumuli all’interno dei vasi sanguigni. Questi accumuli si chiamano placche ateromatose e a lungo andare possono ostruire i vasi e provocare conseguenze anche gravi per la salute dell’organismo, come infarti e ictus.

 

Colesterolo alto: rimedi

L’ipercolesterolemia non mostra sintomi evidenti. Pertanto si consiglia di fare periodicamente delle analisi del sangue per controllare che il colesterolo sia entro i valori desiderabili. Qualora i valori fossero elevati, si consiglia di consultare il proprio medico curante perché stabilisca un percorso di cura da seguire per far tornare i livelli di colesterolo alla normalità. La prima cosa da fare è agire sul proprio stile di vita attraverso una dieta equilibrata, e povera di grassi saturi, ed una regolare attività fisica. Tuttavia, quando questo non basta, esistono anche degli integratori alimentari a base di estratti vegetali utili a mantenere sotto controllo i normali livelli di colesterolo come, ad esempio, i rimedi a base di riso rosso fermentato. Nei casi in cui i livelli di colesterolo sono decisamente superiori alla normalità, o è difficoltoso riportarli a valori desiderabili lavorando sullo stile di vita o utilizzando rimedi naturali, il medico valuterà la possibilità di una terapia con farmaci specifici.

Articoli correlati