Fame nervosa: cause e rimedi

La fame nervosa è un disturbo alimentare in cui una persona prova l’impulso di mangiare anche se in quel momento il suo organismo non ne ha la necessità. Generalmente associata a circostanze di ansia, stress, stati depressivi, la fame nervosa è maggiormente diffusa tra gli adolescenti e gli adulti fino a 40 anni d’età. Se non trattata e adeguatamente controllata, può costituire un rischio per la salute.

Chi soffre di fame nervosa di solito tende a mangiare in maniera eccessiva tutti gli alimenti, con una preferenza per i cibi fortemente calorici, ricchi di grassi e di zuccheri. Questo perché sono cibi più appaganti, che saziano velocemente, e la persona li ritiene i più adatti per colmare la sensazione di vuoto, le insicurezze e le difficoltà emotive. Il cibo, quindi, assume un ruolo consolatorio e arriva a sostituire la gioia, l’affetto e la stabilità emotiva che il soggetto non riesce più a raggiungere naturalmente.

Tuttavia, non sono solo l’ansia e lo stress le potenziali cause della fame nervosa. A volte anche la noia può condurre una persona a trovare rifugio nel cibo: l’eccessiva routine o l’assenza di impegni invece che essere appagate dallo svago, da un’attività ricreativa, sono il trampolino di lancio per tuffarsi nel cibo.

In alcuni casi, la fame nervosa può essere correlata a cause biologiche. Delle disfunzioni nei meccanismi di metabolizzazione degli zuccheri, ad esempio, possono essere causa di uno stimolo di fame continuo, che conduce a un comportamento simile a quello determinato da cause psicologiche.

Come si può combattere la fame nervosa?

Capire quali sono le cause dell’ansia, dello stress, del dispiacere e del disagio emotivo ed eliminarle è il primo passo per alleviare e diminuire gli episodi in cui la persona si rifugia nel cibo. Tuttavia questo non basta se non si interviene anche sulle abitudini alimentari.

Per quanto riguarda l’alimentazione è consigliabile imparare a mangiare lentamente, masticando per bene e cercando di assaporare il gusto delle pietanze. Questo perché un lunga masticazione favorisce una digestione corretta e la giusta assimilazione dei nutrienti, soprattutto quelli, come gli zuccheri, che sono tra i principali responsabili dei meccanismi che regolano lo stimolo della fame.

In secondo luogo occorre stabilire un orario preciso per i pasti, distribuendoli adeguatamente nel corso della giornata. Una buona abitudine è quella di consumare cinque pasti: la colazione, due spuntini (uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio) e due pasti principali.

Un’altra buona abitudine è quella di praticare esercizio fisico: un po’ di movimento, anche leggero, aiuta a rilassare la mente e a distrarla dalla continua richiesta di cibo. Anche le tecniche di rilassamento, come ad esempio lo yoga o il Pilates, contribuiscono ad allentare lo stress e allontanare la fame nervosa.

Articoli correlati